In uscita oggi 29 Settembre su: Il Corriere Della Sera Veneto che riguarda il progetto che sosteniamo. Buona lettura! Scarica il PDF qui  

MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU.

MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU. “Chi ruba e chi lotta….ma il cielo è sempre più blu.” Non mi era mai successo! Arrivare al campo 1 e non trovare più la tenda. La mia tendina Snowbound Ferrino 3 , la parte interna con tanto di paleria è sparita. Chi l’ha presa ha avuto la

ICEFALL

Attraverso l’inferno per il paradiso. Se Dante fosse vivo, sull’Icefall dell’Everest scriverebbe una seconda Divina Commedia. Attraversare l’icefall è una esperienza unica perché diabolica. Sai quando parti ma non sai se torni.. Questa è la strana sensazione di chi affronta questo immenso labirinto di seracchi e crepacci. Un viaggio infernale! Puoi essere un alpinista forte,

PUJA

“Ieri primo giorno lunare abbiamo celebrato la Puja come vuole la tradizione Sherpa. La Puja dal sanscrito “Reverenza” indica un atto di adorazione verso una divinità. Nel nostro caso rivolta agli Dei della montagna. Ma vuole anche essere almeno dal mio punto di vista una forma di ringraziamento rivolto a qualsiasi Divinità, alla montagna, alla

Ultime notizie ….

I saluti quassù sono sempre emozionanti, specialmente se a salutarci sono tre giovani ragazzine che a fatica vogliono tornare a casa…..Bianca Anita e Alice vorrebbero stare qui al base per un bel po’, dicono “meglio della scuola”…Dopo una notte gelida a – 15 in tenda, al mattino le tre ragazze per nulla stanche partono con

Campo base

In questi due giorni ci siamo trasferiti al campo base del Island Peak.. Come ci suggeriva in nostro caro amico Angelo Giovanetti “un coghet e na tendota”. Tutto bene, raggiunta la cima del Island Peak 6180 m. secondo i nostri programmi di acclimatazione. Bravissimo il trekker Andrea Mosconi che ha battezzato il suo primo 6000.
“Continua la nostra avventura verso il tetto del mondo. A Pangboche facciamo visita al più antico monastero della valle per poi ricevere la benedizione dal famoso Lama Gese Rimpoche. Poi proseguiamo verso il villaggio di Dingboche. L’indomani proseguiamo sotto l’imponente parete Sud del Lhotse dove grandi nomi dell’alpinismo polacco hanno perso la vita come Jerzy

Buona Pasqua da 3850 m

Buona Pasqua da Tengboche 3850 m a tutti voi che ci seguite da casa. L ‘Everest, il Lhotse e l’Ama Dablam vi salutano. Mario.  

LHOTSE 2017

Si parte!!! la meta è il Lothse con i suoi 8.516 metri di salita che ci aspettano; ma prima di questa grande impresa vi saluteremo in modo speciale da Kathmandu inviando a chi lo vorrà la CARTOLINA DELLA NOSTRA SPEDIZIONE LHOTSE 2017 che riceverete inviando un bonifico o bollettino postale minimo di 5 € a
Da “Il Giornale di Vicenza” GRAZIE GRAZIE GRAZIE! Con il Tuo prezioso contributo sono sempre di più i progetti sostenuti che hanno l’obiettivo di realizzare interventi riabilitativi e di inclusione sociale per migliorare la vita di bambini e ragazzi affetti da autismo e disabilità e assicurare sollievo alle famiglie. Continua a seguirci sui quotidiani, sul